Menu
Intro
Cerca nel sito:
Link
//www.nomesito.com
News

Eco-Bio Festival


Eco-Bio verso l'EXPO


archivio News & Eventi

chips
new
bologna_index.png

Eco Bio in Bologna e Provincia
italia_index.png

Eco Bio in Italia

new
div_sfum_small.png
div_sfum_small.png

new
SanaCity.jpg

Eco-Bio Confesercenti

organizza il SANA CITY
partner di SANA - BolognaFiere
8-17 Settembre

info@ecobio.bo.it
www.ecobio.bo.it/sanacity
Cover_SanaCity_2017.jpg


new
div_sfum_small.png
div_sfum_small.png
Progetti Filiera Biologico
biobio-per-sito-2.png
Gli incontri sono rivolti ad imprenditori e figure chiave di imprese manifatturiere e della commercializzazione di prodotti bio food e non food, anche di start up al bio, con sede legale o unità produttive in Emilia-Romagna, e a rappresentanti di enti, istituzioni e associazioni di riferimento per la filiera.
Per informazioni e iscrizioni:
ENFAP Emilia Romagna Via Zamboni, 8 Bologna
Tel. 051 352932 – 353002 / segreteria@enfap.emr.it / www.enfap.emr.it
Lorella Parmeggiani - Simona Pandolfi
Comunicato agli Erboristi
unerbe.jpg
Unerbe Confesercenti
ha preso posizione contro il Disegno di Legge n. 4350 che darebbe la possibilità anche alle attività professionali del settore dell’estetica, ovverosia estetista, tatuatore e piercer, make up artist, onicotecnico, lash-eyebrow marker, socio-estetista di vendere “alla clientela prodotti erboristici e cosmetici e integratori alimentari idonei a favorire e ad accrescere lo stato di benessere derivante dalle prestazioni svolte” con una lettera del Nostro Presidente Nazionale Maurizio Devasini al Presidente della X^ Commissione della Camera dei Deputati.
“Questa Associazione, in rappresentanza dei propri iscritti erboristi e titolari di erboristeria, esprime il proprio fermo dissenso sui contenuti della norma proposta, la quale, oltre a dequalificare il prodotto di erboristeria/integratore alimentare, che ha caratteristiche tali da esigere una approfondita conoscenza, da parte del distributore, dei contenuti e delle modalità di conservazione e somministrazione, comporta potenziali rischi per la salute del consumatore - scrive Devasini - professionisti di un settore diverso da quello principalmente interessato, aventi qualifiche assolutamente inconferenti, andrebbero a consigliare il consumo a fini salutistici sulla base di conoscenze inesistenti, relative a non meglio precisati corsi regionali di aggiornamento”, fra l’altro non obbligatori (“ove previsti”).
“Consentire ai titolari di attività relative al settore dell’estetica di fornire alla clientela prodotti erboristici e integratori alimentari, comporterebbe un’ingiustificata e assurda deroga alle norme generali, di livello statale, in materia di commercio degli alimenti, deroga cui - fra l’altro - conseguirebbe una ingiusta sperequazione ai danni della Categoria degli erboristi, i quali per commercializzare prodotti erboristici e/o integratori alimentari debbono dimostrare il possesso dei requisiti professionali".
Informativa sui Cookie | Cookie Policy